Archivio per CategoriaNotizie Sardegna

DiRedazione

Microcredito, da Samugheo una bussola al servizio delle imprese

Come riportato da La Nuova Sardegna il Comune di Samugheo si conferma essere uno dei primi comuni in Sardegna a muoversi autonomamente dal basso nell’attuare la proposta dell’Ente nazionale per il microcredito, che ha chiesto supporto logistico e collaborazione per avviare nel territorio un’attività finalizzata allo sviluppo e alla diffusione della cultura della microfinanza.

Il Comune di Samugheo infatti procurerà presto una bussola ai cittadini per aiutarli a destreggiarsi meglio nell’intricata selva di normative e procedure burocratiche che regolano l’autoimpiego e l’accesso al microcredito.
Un’iniziativa che la giunta ha sposato facendosi in tal modo interprete dei bisogni dei cittadini e delle imprese. L’obiettivo dichiarato è di avviare o potenziare attività di microimpresa e di lavoro autonomo favorendo lo sviluppo e la modernizzazione delle aziende del territorio.

Maggiori informazioni

DiRedazione

Acanta parteciperà a Orizzonti, al Teatro Massimo la quarta edizione di Mitzas

Appuntamento domenica 5 novembre 2017 dalle 10 alle 18 al teatro Massimo di via De Magistris a Cagliari. Acanta MAG Coop, iscritta al Circuito Sardex, parteciperà con i suoi soci a questa giornata all’insegna dell’incontro e del confronto con il motore del progetto: gli iscritti. Si parlerà di presente e soprattutto di futuro del Circuito.

Rispetto agli anni precedenti, caratterizzati da una forte proiezione verso l’esterno, il festival di quest’anno avrà una marcata attenzione verso l’interno, al dialogo e al confronto con gli iscritti.

Dopo il benvenuto, alle 10.30 saranno protagonisti sul palco Franco Contu (Chief Operating Officer di Sardex S.p.A.), Gabriele Littera (CEO Sardex S.p.A.) e Carlo Mannoni, neo presidente della società. La loro presenza consentirà di fare il punto sulla situazione attuale, sui mutamenti dell’ultimo periodo e sulle prospettive.

Alle 11, panel dedicato alle innovazioni in atto con l’illustrazione dei risultati ottenuti col progetto Social Pay a Sassari, in collaborazione con la Fondazione di Sardegna e con alcune associazioni locali, e alcuni cenni sulle interlocuzioni in corso con diversi Comuni interessati a Social Pay nel settore pubblico. Ne parleranno: Lorenzo Pinna (Area Marketing Sardex S.p.A.); Maso Notarianni (Corporate Social Responsibility Manager Sardex S.p.A.); Maurizio Onnis (sindaco di Villanovaforru); Aldo Addis (libraio e presidente di Lìberos); Laura Mura (assessora Servizi Sociali-Comune di Ottana); Caterina Sanna (assistente sociale-Comune di Ottana). Modera Gian Paolo Marras (Area Marketing Sardex S.p.A.).

Maggiori informazioni

DiRedazione

Torna a Cagliari lo Startup Weekend, promosso dal nostro partner Tiscali Open Campus

Il 21, 22 e 23 luglio 2017 ritorna a Cagliari “Startup Weekend”, l’iniziativa è rivolta a tutti coloro che hanno delle idee innovative e sono in cerca dell’occasione giusta per trasformarle in progetti imprenditoriali. Capofila del progetto è Open Campus powered by Tiscali, nostro partner nel programma radiofonico IDEA!Prendi l’iniziativa! e primo spazio coworking nato in Sardegna per l’innovazione e il digitale.

Ritorna nella bellissima cornice di Open Campus uno degli eventi più importanti in Sardegna per chi desidera avvicinarsi al mondo dell’innovazione e imparare a fare impresa. Una full immersion di 54 ore in cui developer, designer, esperti di marketing, di business e appassionati di innovazione si incontrano per ideare nuovi progetti e lanciare una startup.

Che cos’è Startup Weekend? Startup Weekend è un movimento globale di imprenditori ed aspiranti tali, persone che stanno imparando le basi per fondare startup e lanciare progetti di successo. In tutto il mondo, dalla Mongolia al Sud Africa, da Londra al Brasile, studenti universitari di varie facoltà, sviluppatori, designer, esperti di business e marketing, persone che nutrono interesse per il mondo del web, del mobile, dell’IT e dell’innovazione in genere, si riuniscono per lunghi fine settimana al fine di presentare e sviluppare una propria idea d’impresa. Nelle precedenti edizioni sull’isola oltre 400 i partecipanti coinvolti, numerosi i premi assegnati e le idee vincitrici che si sono trasformate in vere e proprie imprese, tra cui Guide Me Right e Lifely.

Maggiori informazioni

DiRedazione

Terre Colte, adottare un terreno per combattere l’abbandono.

Recuperare le terre abbandonate e incolte dai privati, avvicinando le persone alla terra e incentivando l’autoproduzione. Nasce in Sardegna con questo obiettivo Terre Colte, associazione che ha ideato un sistema replicabile ovunque per combattere l’abbandono dei terreni.

Di Paolo Cignini (Italia che Cambia)*

Adottare un terreno o una parte di esso, al fine di coltivare un orto o il grano da cui ricavare farina, da condividere insieme ad altre famiglie. Così come un campo dove poter seminare il grano Cappelli, in maniera tale da ricavarne la farina. Questi e altri i progetti dell’Associazione Terre Colte, che in Sardegna hanno ideato un sistema replicabile ovunque per combattere l’abbandono dei terreni e far tornare le famiglie alla terra.

“Noi dobbiamo essere una famiglia, dobbiamo essere vicini a chi vive in situazioni di stress quotidiano, vogliamo essere un diversivo e una terapia”. Questo e molto altro è l’associazione Terre Colte, un’associazione di promozione sociale e culturale nata nel luglio 2014 allo scopo di di recuperare terreni incolti e abbandonati da privati e contadini dai quali non riescono a trarne un giusto profitto, incentivando le persone all’autoproduzione del cibo senza l’uso di pesticidi e sostanze chimiche, grazie all’agricoltura sinergica.   L’Associazione opera nell’area di Senorbì, nella provincia di Cagliari, anticamente nota come il “granaio di Roma”. Prima della nascita dell’Associazione, coloro che ne diventeranno poi i soci fondatori avevano tentato un primo progetto di recupero di un terreno abbandonato di 3000 metri quadrati: il terreno fu trasformato in un orto periurbano condiviso, e in poco tempo più della metà dei quaranta lotti a disposizione erano stati occupati. “A partire da questi primi successi, abbiamo capito che era arrivato il momento di fondare una vera e propria associazione” ci racconta Silvio Melis, tra i soci fondatori dell’esperienza “Oggi gli associati sono novecentocinquantasei che usufruiscono di tutti i progetti e i laboratori dell’Associazione, abbiamo sei sedi operative e almeno una quarantina di famiglie occupano i nostri spazi nei progetto Orti Condivisi”.

Maggiori informazioni

DiRedazione

BioVulcania vince New Work 2017. La startup agrobiologica di Andrea Orrù ha vinto la prestigiosa competizione della Fondazione Lions.

Dalle pendici del Monte Arci al primo premio dell’edizione 2017 del concorso New Work della Fondazione Lions. Il progetto presentato dal nostro socio Andrea Orrù è stato premiato per la sua concretezza e per aver saputo innovare un’azienda agricola storica, coniugando bio agricoltura e attenzione per il sociale.

La finale dell’edizione 2017 del concorso “New Work” si è svolta venerdi 3 marzo 2017 nella sala congressi della Fondazione di Sardegna a Cagliari. Molto innovativi i progetti presentati e molto preparati i team, abili e motivati nel raccontare i loro pitch di fronte a un pubblico particolarmente attento. Idee di business d’avanguardia che hanno riguardato i servizi, le app legate a esigenze di pubblica utilità e progetti innovativi legati alla stampa 3D. In finale erano presenti alcune delle startup più note dell’ecosistema cagliaritano: Aithalia, Area 21 Mud Training, Biihar, BioVulcania, Bxtar, Catch Sardinia, Gnapp e &Makers.

Non sorprende che a vincere il primo premio sia stata una startup vocata all’agricoltura biologica e con una forte impronta sociale. Il premio “New Work” infatti è un concorso rivolto a valorizzare progetti innovativi ed etici. Ovvero capaci di essere sostenibili non solo economicamente e finanziariamente, ma anche attenti all’impatto sociale dell’iniziativa nel territorio e tra le persone. BioVulcania ha vinto per aver saputo coniugare tradizione, innovazione di prodotto –  con l’introduzione del pomodoro nero “Sun Black” – e impatto sociale, grazie al coinvolgimento di lavoratori svantaggiati. “E’ stata una grande soddisfazione – ha dichiarato a fine serata Andrea Orrù (founder di Bio Vulcania) – constatare come la mia idea abbia ricevuto il consenso maggiore tra professionisti del mondo del lavoro, dell’Università e della finanza, come Fondazione di Sardegna, Università di Cagliari con il suo Contamination Lab, Sfirs e Sardex.”

Maggiori informazioni

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi