Archivio per CategoriaProgetti

DiRedazione

Acanta su EuroNews – passepartout per l’Europa

Durante la puntata del 4 ottobre 2017 della trasmissione “EuroNews – passepartout per l’Europa” è andata in onda un’intervista a Fabrizio Palazzari, presidente Acanta MAG Coop. L’intera puntata è stata dedicata al progetto europeo ATM for SMEs – Access to Microfinance for Small and Medium-sized Enterprises, all’interno del quale Acanta Mag Coop è parte del gruppo degli stakeholder locali.

Le difficoltà di accesso al credito e la conseguente marginazione finanziaria rappresentano un grave ostacolo alla creazione di impresa in molte regioni europee, nessuna esclusa. E’ per questo che l’Unione Europea ha pensato di mettere su un progetto nell’ambito di INTERREG che ha chiamato ATM for SMEs, in linea con i principi della strategia di Europa 2020. I partner europei del progetto provengono da Ungheria, Germania, Polonia, Spagna, Norvegia, Croazia e Belgio. L’Italia è rappresentata dal Centro Regionale di Programmazione, Assessorato alla Programmazione, Bilancio, Credito e Territorio della Regione Sardegna.

L’obiettivo è quello di migliorare e rafforzare l’accesso al credito per le piccole e medie imprese e di offrire canali di finanziamento alternativi a quelli tradizionali bancari.

Maggiori informazioni

DiRedazione

Acanta sostiene il progetto “Startup down – storia felice di un fallimento” di Nicola Manca e Jacopo Deidda Gagliardo

Acanta Mag Coop sostiene e promuove il progetto editoriale “Startup down – storia felice di un fallimento”, di Nicola Manca e Jacopo Deidda Gagliardo. I due giovani autori, entrambi consulenti aziendali, hanno trovato in Acanta e nelle figure del presidente Fabrizio Palazzari e del vicepresidente – nonché co-fondatore di Banca Etica – Giovanni Acquati, il supporto per far nascere e strutturare il loro progetto, la cui base di partenza è la condivisione. Il primo libro sardo sulle startup sarà scaricabile in formato gratuito dal sito www.acanta.eu

Si tratta di un progetto editoriale che ha visto la partecipazione di tanti professionisti che hanno voluto dedicare gratuitamente il loro tempo e i loro consigli in modo che tanti giovani (e non) startupper potessero avere un ulteriore strumento per la riuscita della loro impresa. Gli autori, Nicola Manca e Jacopo Deidda Gagliardo, hanno utilizzato lo strumento della narrazione come base di partenza per un progetto articolato in più fasi. Partendo dal fatto che fallire non sia sinonimo di “essere un fallito”, il testo vuole dare spunti e stimoli ai suoi lettori, incoraggiandoli a provare e non arrendersi alla prima difficoltà.

Il testo uscirà in 8 puntate (il martedì e il giovedì), sul sito www.acanta.eu . Una volta ultimate le uscite, verrà reso disponibile in formato elettronico (ma è prevista anche una versione cartacea) con in aggiunta un vero bagaglio di strumenti utili per chi decidesse di diventare imprenditore (o lo sia già). Sono state infatti predisposte 6 macroaree, trattate ciascuna da un professionista del settore, contenenti pillole e suggerimenti frutto di esperienza sul campo e che difficilmente si trovano sui libri strettamente tecnici. Si tratta di veri e propri suggerimenti alla stregua della punta di zucchero nel sugo della nonna per correggere l’acidità: quei dettagli che fanno la differenza. Così Annalisa Aru – manager HR Saras prima e Cermed spa ora – ha trattato l’ambito delle risorse umane e del team, Marco Desogus – economista ed esperto di microfinanza – si è dedicato al funding, Enrico Deidda Gagliardo – prorettore dell’università di Ferrara e docente di economia aziendale –  della parte business, Nicola Siza – cofondatore di Apply consulting, del coworking Hub/Spoke e del nuovo programma di validazione per startup Prototype – del settore startup, Federico Onnis Cugia – docente di business law all’università di Venezia – degli aspetti legali, Massimiliano Cicu – CEO di Relive Comunication – della parte marketing e comunicazione.

Maggiori informazioni

DiRedazione

Radio Sardegna Web e Sardegna Sì, due nuovi partner della rete Acanta per l’economia circolare

Tra gli obiettivi di Acanta Mag Coop vi è la promozione di una rete di economia circolare dove si mettono a disposizione e si scambiano beni, servizi e capacità creative e lavorative. Da oggi questa rete si allarga con l’ingresso di Radio Sardegna Web e Sardegna Sì, una web radio multimediale e un portale pensato per le aziende e le attività commerciali sarde che vogliono migliorare la loro immagine sul web.

Radio Sardegna Web e Sardegna Sì nascono grazie a una felice intuizione dei founders Pietro Casula, Massimo Salvau e Davide Martello che ha portato alla costituzione di CSM Webmedia UG , una solida partnership sardo-tedesca  specializzata nella radiofonia multimediale e nella creazione di servizi e contenuti digitali.

Radio Sardegna web è pensata con l’obiettivo di abbattere i muri che la trasmissione su frequenze FM ha per sua natura e per accompagnare gli ascoltatori verso la scoperta della programmazione musicale non valorizzata dai tradizionali canali main stream. Internet infatti permette una comunicazione di tipo globale, accessibile a tutti con dispositivi sempre più avanzati, e in questo nuovo mondo in continua evoluzione, la radiofonia può trovare un terreno fertile per espandersi e offrire maggiori servizi.

Maggiori informazioni

DiRedazione

BioVulcania vince New Work 2017. La startup agrobiologica di Andrea Orrù ha vinto la prestigiosa competizione della Fondazione Lions.

Dalle pendici del Monte Arci al primo premio dell’edizione 2017 del concorso New Work della Fondazione Lions. Il progetto presentato dal nostro socio Andrea Orrù è stato premiato per la sua concretezza e per aver saputo innovare un’azienda agricola storica, coniugando bio agricoltura e attenzione per il sociale.

La finale dell’edizione 2017 del concorso “New Work” si è svolta venerdi 3 marzo 2017 nella sala congressi della Fondazione di Sardegna a Cagliari. Molto innovativi i progetti presentati e molto preparati i team, abili e motivati nel raccontare i loro pitch di fronte a un pubblico particolarmente attento. Idee di business d’avanguardia che hanno riguardato i servizi, le app legate a esigenze di pubblica utilità e progetti innovativi legati alla stampa 3D. In finale erano presenti alcune delle startup più note dell’ecosistema cagliaritano: Aithalia, Area 21 Mud Training, Biihar, BioVulcania, Bxtar, Catch Sardinia, Gnapp e &Makers.

Non sorprende che a vincere il primo premio sia stata una startup vocata all’agricoltura biologica e con una forte impronta sociale. Il premio “New Work” infatti è un concorso rivolto a valorizzare progetti innovativi ed etici. Ovvero capaci di essere sostenibili non solo economicamente e finanziariamente, ma anche attenti all’impatto sociale dell’iniziativa nel territorio e tra le persone. BioVulcania ha vinto per aver saputo coniugare tradizione, innovazione di prodotto –  con l’introduzione del pomodoro nero “Sun Black” – e impatto sociale, grazie al coinvolgimento di lavoratori svantaggiati. “E’ stata una grande soddisfazione – ha dichiarato a fine serata Andrea Orrù (founder di Bio Vulcania) – constatare come la mia idea abbia ricevuto il consenso maggiore tra professionisti del mondo del lavoro, dell’Università e della finanza, come Fondazione di Sardegna, Università di Cagliari con il suo Contamination Lab, Sfirs e Sardex.”

Maggiori informazioni

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi