BioVulcania vince New Work 2017. La startup agrobiologica di Andrea Orrù ha vinto la prestigiosa competizione della Fondazione Lions.

DiRedazione

BioVulcania vince New Work 2017. La startup agrobiologica di Andrea Orrù ha vinto la prestigiosa competizione della Fondazione Lions.

Condividi

Dalle pendici del Monte Arci al primo premio dell’edizione 2017 del concorso New Work della Fondazione Lions. Il progetto presentato dal nostro socio Andrea Orrù è stato premiato per la sua concretezza e per aver saputo innovare un’azienda agricola storica, coniugando bio agricoltura e attenzione per il sociale.

La finale dell’edizione 2017 del concorso “New Work” si è svolta venerdi 3 marzo 2017 nella sala congressi della Fondazione di Sardegna a Cagliari. Molto innovativi i progetti presentati e molto preparati i team, abili e motivati nel raccontare i loro pitch di fronte a un pubblico particolarmente attento. Idee di business d’avanguardia che hanno riguardato i servizi, le app legate a esigenze di pubblica utilità e progetti innovativi legati alla stampa 3D. In finale erano presenti alcune delle startup più note dell’ecosistema cagliaritano: Aithalia, Area 21 Mud Training, Biihar, BioVulcania, Bxtar, Catch Sardinia, Gnapp e &Makers.

Non sorprende che a vincere il primo premio sia stata una startup vocata all’agricoltura biologica e con una forte impronta sociale. Il premio “New Work” infatti è un concorso rivolto a valorizzare progetti innovativi ed etici. Ovvero capaci di essere sostenibili non solo economicamente e finanziariamente, ma anche attenti all’impatto sociale dell’iniziativa nel territorio e tra le persone. BioVulcania ha vinto per aver saputo coniugare tradizione, innovazione di prodotto –  con l’introduzione del pomodoro nero “Sun Black” – e impatto sociale, grazie al coinvolgimento di lavoratori svantaggiati. “E’ stata una grande soddisfazione – ha dichiarato a fine serata Andrea Orrù (founder di Bio Vulcania) – constatare come la mia idea abbia ricevuto il consenso maggiore tra professionisti del mondo del lavoro, dell’Università e della finanza, come Fondazione di Sardegna, Università di Cagliari con il suo Contamination Lab, Sfirs e Sardex.”

Il secondo premio, per la grande rilevanza in ambito socio-sanitario, è andato a BiiHar, la startup che migliora lo stile di vita delle persone obese e facilita la comunicazione tra professionisti dello stesso team multidisciplinare.  Sul podio infine anche Bautiful Box, l’app per smartphone che permette, grazie a sensori ed a una telecamera, di vedere, sentire  e parlare a distanza con il proprio animale domestico.

Molto interessanti anche gli altri pitch che, come hanno ricordato in chiusura il dott. Guido Cogotti e l’ing. Salvatore Ingrassia, hanno dimostrato quanto siano ancora forti l’ottimismo e l’idea di un’isola che ce la può fare con le sue forze. L’appuntamento è rinnovato alla prossima edizione del concorso New Work.

Info sull'autore

Redazione administrator

Curiamo la redazione e l’aggiornamento dei contenuti pubblicati sul blog. Se vuoi segnalarci una notizia interessante o un evento che riguarda il tuo territorio scrivici a redazione@acanta.eu. La notizia verrà verificata e, se necessario, potrai essere contattato nel totale rispetto della tua privacy.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi